La Preda ringadora è un monumento caro ai modenesi la cui presenza in città risale al Secolo XIII. Si tratta di un grande masso veronese rosso di forma rettangolare, collocato in prossimità del porticato del Palazzo Comunale, di fronte alla scalinata d’accesso. E’ un monumento assai particolare che attrae turisti, passanti ma anche gente del luogo. Il termine significa “pietra che arringa”: essa infatti servì da palco e da pulpito agli oratori che nel medioevo, durante le assemblee popolane, parlavano ai cittadini. Tuttavia secondo alcuni storici locali, la pietra veniva utilizzata in diverse situazioni a seconda del periodo storico e del contesto sociale: alcune fonti infatti sostengono che la pedra ringadora fosse una sorta di gogna, di vetrina o luogo d’esposizione di cadaveri da identificare ma anche come “pietra del disonore” per spettacolarizzare punizioni corporali di ladri e malfattori colpevoli di piccoli reati contro la comunità.

Condividi su: